H&M e i primi capi prodotti dal riutilizzo di fibre tessili

Ricordate il progetto di raccolta di abiti usati di H&M? Come me, avevate partecipato?

A fine febbraio il brand ha lanciato i primi prodotti realizzati con indumenti raccolti attraverso il garment collecting project: cinque capi classici in denim, come jeans e giacche, in cotone riciclato.

La nuova collezione di jeans contiene il 20% di cotone riciclato, la percentuale massima che può essere usata oggi senza compromettere la qualità.

La raccolti dei capi usati, che ha avuto inizio nel 2013, è prima di tutto un progetto ambientale con la visione, a breve termine, di evitare gli sprechi e ridurre al minimo i rifiuti che vanno in discarica. L’obiettivo, a lungo periodo, è quello di trovare una soluzione per il recupero di tutta la fibra tessile e un suo nuovo utilizzo.

Eventuali proventi derivanti dall’iniziativa saranno devoluti alla H&M Conscious Foundation. Il ricavato sarà destinato a investimenti in nuovi progetti di innovazione per la chiusura del cerchio.

Margherita Tizzi

Giornalista, scrive su Vogue Italia, Amica e Grazia. È co-founder di Eccetera, studio specializzato nella creazione di progetti editoriali su misura, online e offline. E, dal 2013, su questo webzine racconta storie di luoghi, di fatto a mano e made in Italy, di cultura, arte e lifestyle.

No Comments Yet

Comments are closed