Sochi 2014. Stilisti e atleti: ecco chi veste chi. Le foto

Manca davvero poco all’inizio ai Giochi Invernali di Sochi. E allora, prima della cerimonia d’inaugurazione, vediamo cosa indosseranno gli atleti delle squadre più famose…

Per l’Italia continua la collaborazione tra Giorgio Armani e il Coni. Armani ha creato l’intero guardaroba sportivo e formale degli atleti della squadra Olimpica e Paralimpica Italiana per le Olimpiadi Invernali di Sochi 2014 e per i Giochi Olimpici di Rio 2016. Lo stilista fornirà, inoltre, gli outfit alle squadre giovanili che parteciperanno ai Giochi Olimpici della Gioventù e ai Festival Europei della Gioventù Olimpica invernali ed estivi nell’arco del triennio.

I capi d’abbigliamento della linea EA7 forniti agli atleti azzurri saranno contemporaneamente messi in vendita sul mercato italiano. Recano tutti il logo Coni e i cerchi olimpici sul petto, mentre sul dorso è riportato l’originale logo “Italia” silver con il profilo stilizzato delle montagne.

La tuta da sci, color blu navy, è in materiale stretch e ha un taglio ergonomico per fornire la massima comodità a chi la indossa. Le cuciture sono termosaldate e decorate dai colori della bandiera italiana, che si ritrovano anche all’interno del cappuccio. Il secondo strato della tuta è invece disponibile nei colori bianco e blu navy. All’interno delle giacche e delle felpe, sul lato del cuore, è riportata, in oro e in corsivo, la prima strofa dell’inno di Mameli.

Ma chi sono gli atleti italiani che vestiranno Armani? Alessandro Pittin (combinata nordica), Federico Pellegrino (fondo), Arianna Fontana (short track), Anthony Lobello (short track), Michela Moioli (snowboard), Roland Fischnaller (showboard), Alexia Runggaldier (biathlon), Christof Innerhofer (sci alpino), Daniela Merighetti (sci alpino), Matteo Marsaglia (sci alpino), Nicole Della Monica (pattinaggio coppie artistico), Matteo Guarise (pattinaggio coppie artistico), Anna Cappellini (pattinaggio coppie danza), Luca Lanotte (pattinaggio coppie danza).

Per la Svezia ovviamente H&M. La Olympic Collection, creata in collaborazione con gli atleti, comprende outfit per le cerimonie di apertura e di chiusura dei Giochi, oltre a un guardaroba completo da indossare durante gli allenamenti e il tempo libero. H&M ha firmato inoltre le divise di gara dei team olimpici svedesi di pattinaggio artistico, curling, slopestyle freeski, slopestyle snowboard e gobbe.

Maglie a maniche lunghe in tessuto termico quick-dry, giacche da running in materiale traspirante e piumini leggeri sono i capi chiave della collezione. I contrasti sono protagonisti del mix di tessuti, con lana, maglia e pile abbinati a nylon, poliestere impermeabile, mentre la tavolozza cromatica richiama la bandiera svedese, con blu scuro, blu reale e giallo intenso insieme a grigio mélange.

Per la Germania e per la 18esima volta di seguito (dal 1936) a fianco degli atleti tedeschi c’è Bogner. La veste della cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici prende spunto dal paese ospitante. La città di Sochi, sulla riviera russa, situata ai piedi delle vette della catena caucasica, è caratterizzata da molto verde, fiori e palme. Gotthardin Thylmann, capo designer di Bogner Sport, ha integrato tutto questo con applicazioni di elementi a ricamo floreale.

Per la Francia, Lacoste. La collaborazione si estenderà fino al 31 dicembre 2016. L’accordo copre l’intero programma di eventi olimpici: i giochi olimpici giovanili, i giochi del Mediterraneo, i giochi mondiali, il festival olimpico della gioventù europea, i giochi olimpici e paralimpici di Sochi 2014 e di Rio 2016.

Gran finale con Ralph Lauren per gli Stati Uniti. Assolutamente bellissima ed emozionante la sua collezione, distinta dal suo stile iconico e da profondo patriottismo.

Ecco tutte le foto:

Margherita Tizzi

Giornalista, scrive su Vogue Italia, Amica e Grazia. È co-founder di Eccetera, studio specializzato nella creazione di progetti editoriali su misura, online e offline. E, dal 2013, su questo webzine racconta storie di luoghi, di fatto a mano e made in Italy, di cultura, arte e lifestyle.

No Comments Yet

Comments are closed