Beauty Boutique: Byredo apre a Soho e collabora con Oliver Peoples

Se il nostro magazine è nato nel segno dell’arte e del design, applicati a moda e bellezza, siamo obbligati a presentarvi il primo retail concept fuori dalla Svezia di Byredo, al 62 Wooster Street di Soho. Per il negozio, che presenta l’assortimento completo di profumi e di prodotti del marchio compresi gli articoli di pelletteria, accessori e occhiali appena lanciati, è stata creata una collezione dedicata.

La boutique, di 1345 metri quadri, è stata progettata dal fondatore e direttore creativo del marchio, Ben Gorham, in collaborazione con l’architetto e designer svedese Christian Halleröd. Accanto al legno tradizionale, pavimenti e pareti rivestiti in mosaico italiano su misura con travi a vista in abete di douglas canadese che incorniciano una monumentale struttura composta da un blocco di vetro disposta al centro dello spazio. Un altro materiale ricorrente in tutto l’ambiente è l’alluminio lucidato. Nel corso dell’anno saranno inaugurati anche uno spazio per appuntamenti privati e un atelier per la creazione di profumi e articoli in pelle su ordinazione.

Infine è nata una collaborazione tra Byredo e Oliver Peoples: un profumo racconta la città di Los Angeles dal punto di vista olfattivo. Le sensazioni e i colori che suggerisce hanno portato ad una nuova montatura disegnata da Oliver Peoples. Gli occhiali da sole unisex sono disponibili in due colori, nero semi-opaco e beige cristallo, con lenti fotocromatiche di tre diversi colori (indaco, champagne e verde). Il profumo e gli occhiali saranno venduti separatamente o in un cofanetto su misura con una custodia e un sacchetto personalizzati. L’edizione limitata è disponibile da 10 Corso Como Milano mentre la fragranza in tutti i rivenditori autorizzati Byredo.

AG_Byredo_Shot1_final AG_Byredo_Shot2_final Perfume & Glasses

Margherita Tizzi

Giornalista, scrive su Vogue Italia, Amica e Grazia. È co-founder di Eccetera, studio specializzato nella creazione di progetti editoriali su misura, online e offline. E, dal 2013, su questo webzine racconta storie di luoghi, di fatto a mano e made in Italy, di cultura, arte e lifestyle.

No Comments Yet

Comments are closed